Salta al contenuto
Rss





Italiano

Percorso Rosso

immagine ingrandita Percorso Rosso (apre in nuova finestra) Partendo dalla piazza S.Martino (alt.300 mt) imbocchiamo via Carale passando sotto un portico in sasso, costeggiamo il caseggiato in pietra che costituì le vecchie prigioni, ne è testimonianza l'antica grata alle finestre. Dopo aver camminato su mulattiera, ed attraversato la strada asfaltata, incontriamo il sentiero che costeggia il Rio Fasciol e attraverso un originario ponticello arriviamo all'oratorio di S.Elisabetta (mt 380). Continuando la salita tra rigogliosi vigneti e secolari castagni, raggiungiamo la frazione Merro, con i suoi caseggiati in sasso, poi la Frazione Quartavolo dove nella piazzetta troviamo il lavatoio e una fontana in sasso. Proseguendo si giunge all'oratorio di S.Antonio (mt 480). Più avanti incontriamo un bel tratto pianeggiante che conduce a Case Bevilacqua, ormai abbandonate. Questo tratto permette di ammirare sotto di noi un suggestivo scorcio panoramico su Masera e su Trontano.
Poco dopo, attraversato un fresco ruscello, troviamo Case Ariola, antico borgo dove regna un silenzio assoluto. Su un edificio è affrescata un'immagine della Madonna di Re. Proseguiamo e ci troviamo in un tranquillissimo bosco di secolari castagni.
Quindi in un'atmosfera di pace irreale attraversiamo Loraccio. Superato un ponticello in legno sul Rio Fasciol giungiamo alla strada asfaltata e continuiamo fino ad arrivare a Ranco Sopra. Continuando sul sentiero si arriva a Ranco Sotto. Dopo averne attraversato i vecchi vicoli, un ponticello ci immette nella piazzetta di S.Rocco (mt. 480). Proseguendo per il sentiero nel bosco troviamo una cappelletta solitaria, poi continuiamo fino al soleggiato borgo di Casa Brencio (mt.440). Dopo essere passati tra le case si inizia a scendere costeggiando il parco di una vecchia villa e si arriva nella piazzetta alta di Rivoria, scendendo ancora incontriamo il vecchio torchio, una fontana datata 1937 e il forno del pane. Avanzando si arriva nella piazzetta di S.Giulio a Rivoria(mt 400) con una fontana del 1839.
Si prosegue fino ad arrivare a Case Bariino e dopo aver attraversato il ponte si arriva a Rogna dove c'è un'altra fontana della serie del '37. Si prosegue fino a Cresta con l'oratorio di S.Bernardo.
Si scende lungo la mulattiera che ci conduce a Menogno, con un vecchio forno del 1890 e la piazzetta da poco ristrutturata. Dalla piazzetta si risale la mulattiera. Si arriva a Menogno Sopra con il bel lavatoio di nuova costruzione (2004). Proseguendo si arriva a Villa Cioia, si scende a destra, prima del ponte a sinistra si imbocca una mulattiera dove si scopre una fontana del 1875 con acqua freschissima, per poi attraversare due arcate in sasso. Il sentiero ci porta a Casa Benvenuta.
Si prosegue, passando al bell'edificio del Municipio, fino a Casa del Secco. Li ci si immette in via Roma e si giunge in piazza della chiesa da dove siamo partiti.


English

Red Route

immagine ingrandita Red Route (apre in nuova finestra) Leave from Piazza S. Martino (300 mt a.s.l.) and go through a stone archway into Via Carale; walk past the stone-built house which was once a prison, as the ancient grating on the window shows.
Walk along the mule-track and cross the surfaced road; take the path along the Fasciol stream and cross an ancient bridge to arrive at the oratory of Sant'Elisabetta (380 mt a.s.l.). Continue going uphill through luxuriant vineyards and age-old chestnut woods to get to the village of Merro with its stone-built houses, then on to the hamlet of Quartavolo which has a traditional wash-house and a stone fountain in its little square.
Walk on through the village and you will come to the Oratory of Sant'Antonio (480 mt a.s.l.).
Farther on the path levels out amid lovely scenery, taking you to Case Bevilacqua, a hamlet which is now deserted.
From the path there is an excellent view over Masera and Trontano. A little farther on, cross a stream to arrive in Case Ariola, an ancient village where now silence reigns. Look for the fresco of the Madonna of Re (recognisable from the wound on the Virgin's forehead) on one of the buildings.
Continuing on your way, go though a quiet wood of age-old chestnuts to reach the equally silent village of Loraccio.
After this cross a wooden bridge over the Rio Fasciol and you will be on the surfaced road. Go on as far as Ranco Sopra, after which the path leads to Ranco Sotto. Walk through the narrow old lanes to find a little bridge leading to the square of San Rocco (480 mt a.s.l.).
Continuing along the woodland path you will come to a solitary wayside shrine, then to the sunny village of Casa Brencio (440 mt a.s.l.).
After the village the path begins to go downhill skirting the grounds of an old villa, until you arrive in the upper square of Rivoria; as you continue your descent you come to the old winepress, a fountain dated 1937 and the communal bread oven.
Farther on you arrive in the little square of San Giulio in Rivoria (400 mt a.s.l.) with its fountain dated 1839. Walk on to Case Bariino, and after crossing the bridge you will arrive in Rogna, where there is another 1937 fountain. The next village is Cresta, with its Oratory of San Bernardo.
From here the mule-track leads to Menogno, where you should pause to look at the communal oven of 1890 and the recently restored square. From here go back up the mule-track to Menogno Sopra, where there is a newly built wash-house (2004).
Go on as far as Villa Cioia, and take the mule-track descending to the right; here there is a fountain dated 1875, with delicious pure cold water.
The track passes under two stone archways, and leads to Casa Benvenuta. Continue past the fine Town Hall to Casa del Secco. From here take Via Roma to return to the Church square where you started from.

Clicca sull'anteprima per visualizzare le immagini ingrandite




Inizio Pagina Comune di MASERA (VB) - Sito Ufficiale
Piazza XXV Aprile n.1 - 28855 MASERA (VB) - Italy
Tel. (+39)0324.35252 - Fax (+39)0324.35993
Codice Fiscale: 00421650037 - Partita IVA: 00421650037
EMail: municipio@comune.masera.vb.it
Posta Elettronica Certificata: municipio@pec.comune.masera.vb.it
Web: http://www.comune.masera.vb.it


|